Olio extravergine di oliva

Raccomandiamo di utilizzare l’olio di oliva raccolto lo stesso anno per condire a crudo.

L’olio di oliva degli anni anteriori invece, è ottimo per friggere in quanto mantiene perfettamente una temperatura di 180ºC. Il suo volume aumenta grazie alla stabilità conferitagli dagli acidi grassi e dagli antiossidanti in esso contenuti: per questo, per friggere è indispensabile una piccola quantità del nostro prodotto. Un altro vantaggio che possiede l’olio di oliva è la capacità di assorbimento da parte degli alimenti: con l’olio di oliva, la quantità assorbita è minore rispetto alla frittura con olio vegetale. L’olio di oliva forma una crosta sulla superficie dell’alimento che ne impedisce una eccessiva penetrazione.

Se non viene scaldato troppo (se non arriva ai 210ºC), lo stesso olio può venir utilizzato varie volte senza perderne la qualità. Bisogna ricordare però che al venire riutilizzato, il suo contenuto antiossidante diminuisce considerevolmente.

Dai tempi antichi, l’olio di oliva viene utilizzato per le sue qualità alimentari.

Cucchiaio con olio